Calendario dell'Avvento Emotivo

Aggiornamento: 24 dic 2021


Amo il Natale, ho sempre amato il Natale.

Mia madre mi ha insegnato come accogliere il Natale anche nei momenti più tristi e vuoti delle nostre vite. È servito.

I preparativi li adoro, riescono a scaldare il mio cuore. Sin da bambina Dicembre è stato un mese di attesa e di preparativi :)

Quest'anno ho deciso di "attendere" con te il 25 Dicembre e di donarti ogni giorno non un cioccolatino, ma una coccola di conoscenza!

Ogni giorno un piccolo messaggio, una frase, un testo che spero scalderà il tuo cuore e stimolerà il tuo benessere emotivo

Buon avvento:)

Prova a guardare il tuo corpo senza giudicarlo. Prova ad accogliere la tua persona senza criticarla.

Prova ad apprezzare quello che hai, la pienezza e l'abbondanza che vivi.

Prova questo atteggiamento anche solo per poche ore, vedrai!! Esortirà benessere!!

La scienza ci insegna che provare gratitudine cambia letteralmente la struttura molecolare del nostro cervello.


Abbi voglia di te! Di trascorrere momenti con te e per te. Nutri il desiderio di coltivare i tuoi talenti e di ascoltare i tuoi bisogni. Dirigi lo sguardo verso la tua persona. Prendi oggi 10 minuti della tua giornata per stare solo con Te!

Per ascoltare il tuo mondo! Divertiti! Balla, canta, parlati, scriviti, accarezzati, coccolati.

Dii a te stessa quanto è bello trascorrere del tempo con te:)


Rallenta. Rallenta il tuo respiro, la tua corsa sfrenata al tempo, alla Vita. Muoviti più lentamente, parla cu 7 7 8on serenità. Ascolta il ritmo della tua voce. Chiediti a cosa serva correre. Stai per caso partecipando ad una gara? Cosa dovresti raggiungere? E soprattutto per chi e per cosa dovresti raggiungerlo. Centrati sulle cose più importanti della tua giornata. Dai priorità. Oggi prova a fare un elenco degli obiettivi più importanti della tua giornata, raggiungili, il resto lascialo andare.

Fidati di te. Non dubitare di te stessa. Ascoltati. Non sentirti sempre sbagliata. Affidati alle tue sensazioni, spesso dicono tanto. Guidano. Dicono cosa è meglio per te, indicano la migliore strada, sussurrano per il tuo bene.

Oggi donati momenti di ascolto, senti la tua "pancia" e il tuo cuore. Per esempio puoi fermarti e riflettere se un oggetto o una persona o un luogo (o altro) ti è gradevole o meno, se desideri ancora ostinarti a volere ottenere qualcosa. Fai in modo di essere consapevole di ciò che ti fa stare bene. Di tutto il resto liberatene. Comincia da oggi! Fai a modo tuo, senza ledere la sensibilità degli altri ma neppure la tua.


Desidera! Senti dentro di te cosa potrebbe renderti Felice! Coltiva un dialogo interno propositivo che ti suggerisca il "Si può fare!!" Questo tipo di atteggiamento mentale ti permetterà di svincolarti dai canoni sociali che ti hanno imposto di rispettare. Ti permetterà di sentirti FORTE!

Permetterà altresì alla tua persona di sentirsi LIBERA, libera da ogni rigidità mentale. La libertà è sorella della LEGGEREZZA. Se ti senti appesantita dagli obblighi della quotidianità e delle regole imposte dalla società guarda fuori la finestra. C'è il mondo! Tu puoi, non è mai troppo tardi!

Ti invito a scrivere in un book ciò che ti renderebbe libera e leggera. Ciò che avresti sempre voluto fare e non hai fatto. Fai quindi un elenco delle azioni che ti aiutano a raggiungere l'obiettivo. Comincia ad attivare azioni più semplici, quelle che ti costano meno fatica e dii a te stessa "Non è mai troppo tardi, si può fare!"

Buona libertà:)

Ti hanno mai detto che sei sempre abbondante? Abbondante nei saluti, negli abbracci, nella gentilezza, nell'ascolto, nella comprensione, nei regali e nell'aiuto? Continua cosi! Ma non attenderti nulla in cambio. Almeno non da chi direttamente hai donato qualcosa. Non sono loro a doverti tassativamente ricambiare.

Ti ricambierà la Vita. Fidati.

La scienza ci dimostra che più è alta l'aspettativa maggiore sarà il rischio di vivere delusioni. Infatti spesse volte diamo agli altri perché abbiamo bisogno dei loro occhi, dei loro consensi e di continuare a sentirci dire quanto siamo brave persone. Attenzione! In questo modo stiamo nutrendo un'autostima disfunzionale, forzata! Forzata dal plauso degli altri. Da oggi prova a donare per il gusto di donare, per la magia di entrare in contatto con gli Altri gratuitamente. Sentendoti in ogni modo una persona amata ed amabile.

Oggi un nuovo allenamento mentale: "Io non sono le mie emozioni!"

Ma cosa vuol dire? :)

Vuol dire che tu non sei etichettabile e non rientri in categorie. Non sei la persona timida, piuttosto l'ansiosa o la confusa o l'insicura per esempio.

Le emozioni non sono Te, sono semmai la tua bussola. Rappresentano lo stato della tua mente, non la tua mente. Ti indicano (e alcune volte lo fanno gridando) se il comportamento, la scelta o il pensiero che stai seguendo rientra in ciò che tu desideri, in ciò che è meglio per te! (non giusto per te, ricorda)

Piuttosto che confonderti con il tuo stato emotivo cerca di capire quale emozione più ti rappresenta. Se questa è un'emozione disfunzionale al tuo benessere prova a capire a quale pensiero o scelta è legata. Se per esempio vivi spesso la paura non dirti che sei paurosa chiediti piuttosto cosa ti fa paura. Fai un elenco delle tue paure e prova a trovare la strategia migliore per trasformarle in coraggio:) La bella notizia è che "TU PUOI" :)

Proprio cosi, hai letto bene: "Tu non sei una partita iva!"

E' quello che ripeto spesso ai miei coraggiosi che sentono il fallimento sulle loro spalle. Non falliscono gli esseri umani, dico, falliscono le partite ive. E tu, fino a prova contraria, non lo sei:)

Pertanto dì a tutti quelli che ti hanno fatto sentire un fallimento che gli errori nella vita servono! Servono a farti sentire più grande, a farti sentire il coraggio e non servono di certo a farti sentire sbagliata o inutile.

Non associare "non riuscita" a fallimento. Il fallimento ti blocca, non ti da speranza, non ti fa più sognare. Prova invece a pensarti come un normalissimo essere umano che può non riuscire negli intenti. Prova a pensarti come un/a bambino/a che sta conquistando l'autonomia mentre impara a camminare. Cadrà mille volte e non è di certo un/a fallito/a. Se solo si sentisse un/a fallito/a si bloccherebbe.

Prova piuttosto ad essere indulgente con te, a pensare che stai anche tu conquistando qualcosa e che come in tutte le conquiste la semplicità non è sempre a portata di mano. Prova a capire perché non hai raggiunto il tuo sogno. Prova a farne tesoro, a scoprire la via maestra. E se ci tieni...ritenta sarai più fortunata:)

Affidati! Chiedi aiuto a chi ti sta accanto.

Cerca qualcuno che pensi sappia ascoltarti.

Per sentirti capita non occorre che gli altri debbano avere provato le tue stesse esperienze. Occorre empatia, capacità di mettersi nei panni dell'altra persona, sensibilità, non giudizio e voglia di aiutare.

Sentirsi ascoltate è molto importante. Noi esseri umani siamo per definizione animali sociali e la solitudine non ci appartiene. Le ricerche scientifiche ci mostrano che la condivisione trasforma le emozioni, fortifica le relazioni e l'autostima di entrambi gli interlocutori. Mentre la persona ascoltata si sentirebbe capita, incoraggiata, risollevata meno sola e più forte, quella che aiuta si sentirebbe preziosa perché importante per qualcuno. Pertanto a beneficiarne non saresti solo tu ma anche chi ti aiuta! Da oggi prova a rintracciare nella tua mente una persona che ha le caratteristiche dell'empatia, chiamala e trascorri del tempo con lei.

"Mi basto e mi basta", questo il tuo mantra di oggi:)

Ti credi sempre in difetto? Credi ti manchi sempre qualcosa? Ti senti spesso inadeguata e fuori posto?

Alla base di tutto ciò vi è la convinzione di non essere mai abbastanza!

Questa convinzione disfunzionale ti fa muovere verso la voglia di riempire ciò che pensi manchi in te. Spesso riempiamo la nostra vita di oggetti anche inutili, beni di lusso o cerchiamo di compensare il mancante con comportamenti ossessivi come per es. l'ordine eccessivo o la pulizia esagerata di casa o della nostra persona.

Non cercare fuori di te ciò che pensi manchi dentro di te. Fermati a guardarti dentro. Cosa pensi potresti avere in meno degli altri? La macchina? Un vestito firmato? La casa super ordinata? Non è questo ciò che fa di te una persona abbastanza amabile. Ciò che ti fa sentire abbastanza è la tua interiorità, i tuoi valori. Coltivali! Da oggi puoi sentirti abbastanza! Puoi sentirti piena! Da oggi "Ti basti e ti basta" :)

Amati senza se e senza ma!

Non ci sono reali motivi per non amarti.

Forse ti hanno insegnato a criticarti? A vedere sempre il peggio di te? A non esaltare le cose belle della tua persona? A pensarti come un errore? BASTA! Da oggi prova a dire basta senza se e senza ma!

Amati! Puoi!

E se nessuno ti ha insegnato a volerti bene, fallo tu, fallo per te. Solo per te. Inizia da ora! Hai mai provato a guardati allo specchio, sorriderti e dirti che ti vuoi un gran bene? Fallo! E' bellissimo! Te lo giuro! Parla ai tuoi occhi, parlagli con dolcezza e tenerezza. Se non ami te stessa, chi ti amerà? Noi siamo amate per come e per quanto crediamo di essere amabili. Se crediamo di essere molto amabili avremo accanto a noi persone che ci vogliono bene e ci apprezzano, altrimenti la nostra vita sarà piena di gente che si sentirà in diritto di criticarci e farci sentire sbagliate.

"Premiarmi? Per cosa? Cosa avrei fatto di buono?" Premiarti perché esisti e sei una persona di Valori! Questa è la ragione più importante per cui devi assolutamente premiarti. Non devi premiarti perché sei stata una bravissima persona, estremamente corretta, educatissima, perfetta o perché sei eccellente a scuola, a lavoro, in famiglia o con gli amici. Devi premiare la tua essenza, la tua volontà e la tua voglia di fare bene a modo tuo. Il premio non deve essere una ricompensa collegata ad un ottimo comportamento o a ciò che gli altri si aspettano da te. Non confondere il tuo valore con il brava, altrimenti ti verrà difficile riconoscerti un regalo. Ricorda che la nostra società occidentale, purtroppo sempre più fast e più simile al modello americano, ci spinge a valorizzare i risultati e non l'interiorità. Pertanto essere riconosciute presume una grande dose di energia e di autosacrificio. Da oggi proponiti una nuova narrativa interiore, parlati (non sei folle se parli da sola:) e dii a te stessa che sei premiabile anche se non sei stata una persona perfetta o una persona estremamente fast:) Continua a coltivare valori, i tuoi valori, non quelli degli altri. Regalati ogni giorno uno sguardo di gratitudine, regalati benessere interiore (per es. coccolati più spesso) e valorizza ciò che di bello crei intorno a te❤️

Ti è mai capitato di paragonarti agli altri? Immagino la risposta sia "si" o "spesso".

Cosa paragoni maggiormente di te? Il tuo aspetto fisico? Il tuo modo di vestire? Il tuo stile relazionale? I guadagni? La casa? Il modo di essere genitore, figlio/a o coniuge?

Il paragone però spesse volte non crea benessere.

Prova a farci caso, tutte le volte che ti sei paragonata a qualcuno hai sicuramente notato in te delle mancanze.

Oltretutto spesso osserviamo negli altri pienezza e ricchezza, ancor di più quando gli altri sono sui social, vetrine d'immagine perfetta che ci permettono di apparire per come noi desideriamo.

Da questo momento prova ad usare il confronto non per indebolire la tua immagine ma per trovare ricchezza nella diversità. Ognuno di noi ha la propria esperienza e il proprio modo di stare al mondo! Coltiva la tua singolarità e contestualizza le tue esperienze :)


Spesse volte siamo molto preoccupati, anche ragionevolmente, per il nostro conto in banca. Pochissime volte però ci chiediamo come sta il nostro conto emotivo. Investire emotivamente significa volere creare dei fondi emotivi che possano essere recuperati nel momento di bisogno. I fondi emotivi sono rappresentabili in momenti ricchi di esperienza, condivisione, esplorazione, sorrisi e leggerezza.

Tali momenti risulterebbero indispensabili al cervello nel momento in cui deve progettare e relazionarsi con gli altri e con il mondo. Infatti il nostro cervello prima di compiere un'azione valuta i ricordi passati. Se questi sono emotivamente positivi aiuteranno il cervello a creare nuovi vissuti altrimenti i desideri verranno rallentati o addirittura bloccati.

Quando investiamo emotivamente non solo ci arricchiamo di esperienza ma ci regaliamo connessioni emotive con le persone che più amiamo. Queste connessioni rappresentano la base per creare l'attaccamento. L'attaccamento e la condivisione emotiva sono fonti primarie di benessere.

Vaga nella mia mente il ricordo di me di quando ero piccolina, quando scrivevo, quando ero piena di diari segreti con rigorosi catenacci:) Scrivevo di me, di quello che mi accadeva e di come intendevo il mondo. Il diario segreto era il mio migliore amico, nonostante avessi tanti amici attorno a me. Un "amico-memoria" potrei chiamarlo, perché mi ha permesso di ricordare con onestà tenere emozioni:) Nel ricordare quei momenti emerge una frase che scrivevo sempre, era come un mantra: "nulla ha senso senza l'amore!"

Qualsiasi cosa fatta con amore sprigiona bellezza e per questa ragione ne approfitto per condividere con Te l'importanza dei valori.

Vivi di valori, ciò che conta non è la ricchezza fisica quanto quella interiore. Coricati la sera pensando di aver fatto qualcosa di grande, non "palazzi" ma azioni eticamente grandi. Coltiva gentilezza, bellezza, gratitudine, amicizia, accoglienza, rispetto, pace, solidarietà, trasparenza, senso di giustizia, comprensione, dialogo ed ascolto. Coltiva la tua interiorità vedrai quanto ricca ti sentirai. Se sei piena di te non hai bisogno di nulla. Sarai in pace con te e con gli altri:)

Coltiva valori, ma fallo a modo tuo e lascia il segno nel Mondo. Lascia una parte di te. Il Mondo ha bisogno della tua originale irripetibilità:)

Il pensiero influenza le nostre emozioni.

Siamo ciò che pensiamo di essere.

I tuoi pensieri sono le lenti che ti fanno leggere la realtà. Come dico sempre in seduta "il nostro cervello è un gran sensibilone:)!" Qualsiasi parola per lui è verità. Se per esempio pensi che non fai nulla di buono lui ti prende sul serio e farà in modo di aiutarti affinchè tu raggiunga la tua credenza: non riuscire! Se invece dici a te stessa che può capitare di sbagliare ma che sei altresì capace di raggiungere ciò che vuoi, il tuo cervello dirigerà le tue azioni verso il successo.

Pensati come una persona di successo e sarai il successo! Oggi ti invito a coltivare pensieri sani e funzionali. Ti invito ad osservarli e a scegliere i migliori. Scegli cosa vuoi pensare, cosa dire e le parole che vuoi usare. Prova ad utilizzare delle lenti più colorate per leggere la tua realtà e te stessa.

Ti sei mai chiesta a cosa ti serve accanirti su qualcosa o qualcuno?

Spesse volte prendiamo troppo sul serio i propositi iniziali di una scelta, senza renderci conto che questa stessa scelta una volta vissuta può non beneficiare sul nostro stato di salute. Le ragioni del non lasciare andare sono molteplici ed ognuno di noi ha una propria motivazione.

Oggi ti consiglio di lasciare andare ciò che non ti serve, ciò che fa fatica a rimanere nella tua vita. (compagno/a, oggetto, pensiero). Non accanirti, lascia spazio d'azione alla vita e al tempo. Rimani in attesa con le braccia aperte, aperte a qualcosa di nuovo, a qualcosa per te. Abbi fiducia.

Sentiti ed ascoltati. Valuta, a modo tuo, se quello che stai vivendo ti da benessere e se riesce a calmarti. Spesse volte agiamo inconsapevolmente e con il pilota automatico senza riconoscere ciò che ci arreca ansia o malessere.

Puoi trovare la calma nei luoghi, nelle persone, nei brani musicali, nelle esperienze e nelle passioni.

Prova a scansionare le tue giornate e a riconoscere i luoghi (mentali e fisici) che più ti generano dolcezza e benessere. Tu sei costruttrice della tua vita, trova il meglio per te❤️🎁

Un pò di tempo fa nasceva Benvenuti nel mondo umano, il mio progetto di voler abbattere i pregiudizi relativi alla sofferenza mentale.

Le emozioni sono di tutti, nessuno può sottrarsi. Questo è un dato di fatto.

Sentiti umana 😉tutte le volte che provi emozioni spiacevoli, sentiti parte integrante del mondo, sentiti di chiedere aiuto e di meritare benessere🌟.

Non sei la sola, tantissime persone in questo stesso momento stanno vivendo il tuo dolore, la tua sofferenza. Sicuramente ognuno di noi ha diversi motivi che causano dolore, il dolore è soggettivo ma le emozioni vissute sono uguali a quelle degli altri. E allora anche a te che stai leggendo dico "benvenuta nel mondo umano!"🌈

Effetto usuraio, la conseguenza emotiva generata da un comportamento disfunzionale ripetuto nel tempo.

Tra i comportamenti disfunzionali per esempio vi è la richiesta eccessiva di conferme esterne oppure il bisogno estremo di rassicurazione da parte degli altri.

Se da un lato questi atteggiamenti ti rassicurano, come farebbe un usuraio nel momento di estremissimo bisogno, a lungo termine ne pagheresti le conseguenze con alti interessi. Dunque questi comportamenti sarebbero efficaci ma non efficienti. Ottimi a breve termine ma non a lungo termine.

Tutto questo avviene perché il tuo cervello si convince del fatto che tu senza estreme rassicurazioni non riesci a calmarti oppure che non riesci a trovare la strada giusta perché solo gli altri detengono la verità.

Voglio precisare che gli Altri sono estremamente importanti. Noi siamo animali sociali e la socialità è altresì un parametro indispensabile per comprendere il nostro stato di salute mentale. Quando però gli altri si sostituiscono troppo a noi la nostra autostima e la self efficacy (autoefficacia percepita) diminuiscono drasticamente. Se sei una persona che ha bisogno del consenso degli altri, oggi prova a risponderti alle domande che formuli:)

Di di no! No a tutto quello che ti fa male, a tutto quello che non vorresti, a tutto quello che la tua Anima non accetta. Ricorda: tutte le volte che dirai si a qualcuno dirai No a te stessa.

Perché non riesci a dire no? Te lo sei mai chiesta? Di cosa hai paura? Temi per caso che qualcuno si arrabbi con te e ti abbandona? Nulla di tutto ciò! Fidati!

E' solo il tuo pensiero a farti credere questo! E se hai costruito questa credenza non è perché sei folle ma perché ti hanno fatto credere che devi essere sempre disponibile per tutti, ma non a te stessa. E semmai qualcuno dovesse abbandonarti, sai cosa c'è? Meglio cosi! Si! Meglio cosi, hai letto bene:) Cosa ce ne facciamo di qualcuno che non vuole capire i nostri bisogni (spesse volte anche primari)? Di qualcuno che non tifa per noi,

che non si mette nei nostri panni?

Prima ancora di pensare in modo catastrofico pensa che esistono tantissime tecniche che ti permetto di dire No senza ledere la sensibilità dall'Altra persona e neppure la tua. Queste tecniche ti permetteranno di attivare un tipo di comunicazione assertiva, diversa da quella evitante o aggressiva. L'assertività sta ne mezzo e come in tutte le metà sta la virtù! L'assertività è la strada per essere felici! Sceglila!

Giocatela questa Vita! Viviti il lusso della leggerezza!

Ti hanno insegnato che il gioco dura poco, che è per i bambini e poi quando diventi grande devi essere seria e responsabile ma soprattutto pienissima di impegni!

Sicuramente è importantissimo, per la nostra salute emotiva, sentirci organizzate, rispettose di noi e degli altri, avere degli impegni, saper fare bene, investire, essere professionali e raggiungere obiettivi. Ma perché non raggiungere tutto questo con leggerezza?

Come dico sempre, ai miei coraggiosi, la terapia (così come la vita) deve essere seria ma non seriosa. Ecco, penso puoi rivisitare il concetto di serietà cosicché il tuo cervello possa svolgere compiti quotidiani come fossero momenti ludici.

Giocare non significa soltanto manipolare oggetti ma adottare un atteggiamento mentale che ti permette di sentirti piena, presente, sorridente, concentrata e soddisfatta della tua vita. Pensa ad un bambino che gioca. Il gioco è fondamentale, infatti i bambini che giocano non vanno mai interrotti. Nel gioco il bambino è presente ed è con se stesso! Nel gioco si attivano infinite connessioni sinaptiche ed ancor di più la creatività!

Gioca con i tuoi impegni vedrai che sarai più creativa e libera di desiderare ciò che è dentro di te. Gioca, ti sentirai capace di arrivare dove vuoi!

Il Natale è alle porte. Utilizza questo magico momento come inizio per celebrare bellezza.

Genera bellezza intorno a te. Curati della tua persona e dei luoghi che vivi. Non creare però ambienti freddi e perfetti ma contesti accoglienti.

L'accoglienza scalda il cuore, stimola legami e genera nuove risorse.

Crea bellezza affinché la tua anima si appaghi attraverso i sensi. La bellezza armonizza e crea equilibrio. La bellezza ti darà gioia. Crea anche tu un Natale bello e gioioso! Mettici l'emozione:)


Fra pochissime ore è Natale🎄! E noi siamo giunti al 24esimo dono emotivo🎁. E' stato bello ogni giorno collegarmi con te!🤩 E' bello pensare che qualche mia parola forse ha potuto scaldare il tuo cuore o dato un pò di brio alla tua giornata🌼🌺:)

Oggi voglio utilizzare quest'ultimo giorno di avvento non per dire cosa è meglio per te ma per augurarti "Casa"🏡. La vigilia di Natale è la festa per eccellenza che viene ritualizzata a casa.

Per me casa è quel luogo mentale che mi fa sentire accolta, che mi riempie l'anima, che non mi fa sentire sola, che mi da tanta speranza, gioia e voglia di VIVERE! In questo luogo mentale c'è la mia famiglia 👨‍👩‍👦‍👦👪(quella presente e d'origine), i miei super amici, il mio cagnolino 🐕dalle orecchie lunghe e dalla coda frizzante, la mia casa (fisica), i miei coraggiosi, le mie piante, il mio amatissimo studio, la cucina🍰 (adoro cucinare:)), il caffè caldo al mattino☕ la musica🎷🎻, il buon🍷 vino, la natura🐾🐢, il camino acceso, il mio corpo e me stessa (non per ordine d'importanza:))))

Ti auguro tutto questo! Ti auguro affetto. Ti auguro di poter vivere dei "momenti casa". Ti auguro di cercare sempre la tua casa! Buon Natale a casa!





778 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti